Radio Città Futura

Ultimaora
A+ A A-

25 anni di Emergency: due giorni di festa a Roma

emergency10 milioni di persone curate in 18 paesi in 25 anni di attività. Sono i numeri di Emergency, l'organizzazione umanitaria fondata da Gino Strada che festeggia 25 anni con una due giorni di "Musica e parole a braccia aperte" in piazza del Popolo a Roma. L’evento è in programma sabato 27 e domenica 28 aprile e sarà condotto dall'attrice Paola Minaccioni, con la direzione artistica del musicista jazz Stefano Di Battista. L’impronta jazz caratterizzerà la maratona musicale della prima giornata che dalle ore 17 vedrà una jam session non-stop che coinvolgerà tanti nomi del jazz italiano, introdotti dal critico musicale Ernesto Assante, e da due poeti:Maria Grazia Calandrone e Claudio Damiani. Lunga la lista di quanti si esibiranno: Nina Zilli, Giorgio Cùscito & Swing Valley Band, Nicky Nicolai, Piji, Ladyvette, Maria Pia De Vito, Walter Ricci, Luigi Del Prete, Andrea Rea e Daniele Sorrentino. Sul palco anche l'infermiere Roberto Maccaroni, che ha pubblicato il libro "Prometto che ritorno. Con Emergency in Africa e in Afghanistan", il presidente di Emergency Rossella Miccio e lo storico fondatore Gino Strada.
Accanto al palco sarà allestito un piccolo "Villaggio Emergency" nel quale sarà possibile informarsi sulle attività dell’associazione.
Nel pomeriggio di domenica, Emergency lancerà "Pe' strada Music Contest", un concorso dedicato a band emergenti di ragazzi e ragazze tra i 16 ed i 35 anni. Le sei migliori tra quelle che si sono candidate, si esibiranno sul palco di fronte al pubblico e ad una giuria di esperti. Tra un’esibizione e l’altra, le letture di Paolo Calabresi e Paola Minaccioni e la performance del duo Daiana Lou. La serata si chiuderà con il live della band romana il Muro del Canto.
I fondi raccolti dalle due giornate saranno destinati al centro maternità e medico chirurgico di Anabah in Afghanistan.

Visite: 21

25 aprile festa di tutti, nessuno escluso

giornaleIl 25 aprile è Festa nazionale, la Festa della Liberazione dal nazi-fascismo. Una ricorrenza che alcuni considerano rituale e che altri vorrebbero addirittura cancellare, negando le ragioni di quanti combatterono ed in molti casi morirono, per affermare gli ideali di libertà e democrazia che hanno spazzato via la dittatura fascista e costituito le basi della nostra Repubblica e della nostra Costituzione. Ma si tratta di una festa più viva che mai, che anche quest’anno vedrà migliaia di persone per le strade per contrastare ogni spinta alla rimozione e riaffermare i valori di libertà della Resistenza.
Anche quest’anno, l’evento più importante del 25 Aprile si terrà a Milano. Un corteo attraverserà nel pomeriggio la città per raggiungere piazza Duomo, dove a partire dalle 15,30 inizieranno gli interventi dal palco del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, della segretaria generale CISL Annamaria Furlan, del Presidente nazionale ANED, Dario Venegoni e di Carla Nespolo, Presidente nazionale ANPI. Introduce e coordina: Roberto Cenati, Presidente Comitato Permanente Antifascista
Ed anche quest’anno non mancano le polemiche politiche. Al centro, nell’occasione, il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, che non parteciperà ad iniziative per celebrare la Resistenza, ma sarà a Corleone , in Sicilia all’inaugurazione della nuova sede del Commissariato di Polizia,.
Una scelta criticata da sinistra, ma anche dal suo alleato di governo Luigi Maio:"Il 25 aprile è una festa nazionale della Repubblica Italiana. Non è questione di destra o di sinistra, ma di credere nell'Italia e di rispettarla”.

Visite: 23

National Geographic Festival delle Scienze

scienzaDa lunedì 8 a domenica 14 aprile, negli spazi dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, oltre 40 incontri e più di 300 attività didattiche avvicineranno i più giovani al mondo della scienza. Un’occasione offerta dal National Geographic Festival delle Scienze, giunto quest’anno alla sua XIV edizione. Nell’anno in cui ricorrono i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, figura geniale, che ha anticipato di molti anni idee, invenzioni e realizzazioni in tutti i campi in cui si è cimentato, il Festival avrà al centro proprio L'invenzione, “intesa come creazione e introduzione per la prima volta di un concetto, un’idea, una teoria, una tecnologia, è un aspetto fondamentale della scienza, della filosofia o dell’arte” . Nel corso degli incontri si proverà a dare risposte ad alcune grandi domande: come nasce un’idea e come può dare origine a un’invenzione?Quali sono le invenzioni del futuro che possiamo immaginare? Nei giorni del Festival anche 8 mostre dedicate alle invenzioni italiane, all’universo, al rapporto tra scienza e fumetti, alla Terra e all’ambiente.

Visite: 81

Roma Citta' Futura s.c.p.a. Via Angelo Bargoni, 78 - 00153 Roma - P.Iva. 06748021000