Radio Città Futura

Ultimaora
A+ A A-

Roma Pride 2018: nel segno della Resistenza

rpSarà, come ogni anno, una grande parata colorata, un serpentone  di 18 carri con tanta musica  e paillettes. Ma quest’anno il Roma Pride sarà nel segno della Resistenza, dedicato alle partigiane e ai partigiani che hanno combattuto per liberare l'Italia dai fascisti e dai tedeschi. L’appuntamento è per le 15.00 del 9 giugno in piazza della Repubblica. Da qui si muoverà il corteo che si concluderà a Piazza della Madonna di Loreto. In testa ci  sarà il carro del Coordinamento Roma Pride, da dove una Drag Queen leggerà i passi più importanti del documento politico dell’iniziativa di quest’anno che ricorderà quegli uomini e quelle donne che più di 70 anni fa, diedero vita alla lotta di liberazione partigiana. Un modo per ricordare che odio e xenofobia vanno combattuti sempre, senza mai abbassare la guardia, soprattutto in un momento nel quale si diffonde l’ostilità verso migranti, rom, persone Lgbt. La madrina dell’evento è Sabrina Impacciatore. Chiuderà la giornata “Adoro Love Editino” il party ufficiale del Roma Pride che si aprirà con il concerto di Sabrina Salerno.Tra le adesioni quella del governatore del Lazio, Nicola Zingaretti e del vice sindaco di Roma Capitale Luca Bergamo. Non ci sarà invece neanche quest'anno  la sindaca Virginia  Raggi, al centro delle polemiche in seguito al casodella mancata iscrizione all'Anagrafe capitolina di entrambe le mamme di una bambina concepita all'estero con l'eterologa. 


 

Roma Citta' Futura s.c.p.a. Via Angelo Bargoni, 78 - 00153 Roma - P.Iva. 06748021000